Sposarsi a Las Vegas: le trappole da evitare

wedding destination

Sposarsi a Las Vegas non è sempre stato un successo per le coppie che hanno tentato l'esperienza. E' importante trovare un intermediario di fiducia sul posto che può aiutare nella scelta di prestazioni di qualità.

Per esempio, parliamo delle famose "cappelle", un elemento centrale delle nozze in questa città. Tra la moltitudine di cappelle proposte, le foto non sempre sono fedeli e potreste rischiare di ritrovarvi in un parcheggio abbandonato o in un vecchio motel malandato per la celebrazione delle vostre nozze! Peggio ancora, organizzatori senza scrupolo potrebbero inserirvi in una lunga lista di coppie e farvi passare a catena molto velocemente.... In questi casa, il vostro matrimonio da sogno potrebbe trasformarsi in un vero e proprio dramma! Per evitare questa situazione, chiedete piuttosto ad un wedding planner del posto di verificare lui stesso lo stato dei luoghi.

Per andare più sul sicuro, scegliete una delle cappelle più celebri, teatro di matrimoni famosi. Tra queste la Little White Chapel, che propone diversi pacchetti matrimonio, a seconda delle esigenze e del budget degli sposi, nella quale è anche possibile sposarsi in sella alla propria moto o seduti in macchina (Drive Thru Wedding). Questa capella in bianco è la protagonista di molti matrimoni visti in serie televisive e film, e delle nozze di molte star (Frank Sinatra & Mia Farrow, Bruce Willis & Demi Moore, Britney Spears...). Potete altrimenti optare per le cappelle di Viva Las Vegas, che propongono cerimonie tradizionali, a tema o con Elvis, per un matrimonio più estravagante e originale! Ultima soluzione la famosa Graceland Chapel, presente a Las Vegas da più di 50 anni, all'interno della quale si sono sposati Jon Bon Jovi e, naturalmente, Elvis Presley, dal quale prese il nome.

Da sapere inoltre, contrariamente a come molti pensano, che un matrimonio contratto a Las Vegas ha valore legale ed è riconosciuto in Italia. Non è quindi una cerimonia da prendere alla leggera e da fare "per gioco"!

fonte: ameliste.it

Condividi la notizia: